Biografia - Gianni Dey new

Solo - Duo - Trio
Cookie Policy
Privacy Policy
Vai ai contenuti
GIANNI DEY
Si avvicina alla musica sin da piccolo, spinto dalla   passione del padre Aldo (ma tutto il parentado rivolto alla passione per la   musica) che gli fa studiare musica e imparare a suonare   la fisarmonica cromatica dall'età di sette anni fino a tredici. Partecipa a   concorsi canori locali in coppia con la sorella Marisa di due anni più grande   con piazzamenti sempre soddisfacenti. Finisce le scuole d'obbligo di allora   ossia licenza media inferiore e a 14 anni comincia a lavorare come manovale in   una impresa edile fino a 18 anni quando comincia   l'attività di imbianchino nella ditta gestita dal padre e altri due soci. Nel 1978 finito il servizio militare (nel corpo dei Paracadutisti della Folgore a Pisa), fonda assieme ad alcuni amici   un gruppo musicale di genere moderno  i DNA Group nel quale canta ed intrattiene. Con   tale gruppo cambia genere musicale e passa al genere da ballo liscio Orchestra Gianni Leardini per poter   continuare visti i tempi dell'avvento dei D.J. era   difficile resistere solo suonando moderno.Il gruppo   fondato sulla più sana amicizia e non sugli interessi si scioglie nel 1981 dopo   la morte del chitarrista Davide Caprioli nella strage della stazione di   Bologna del 1980 che porta sconforto e depressione.

Nel 1985 entra a far parte   come cantante nell'orchestra Camillo del Vho nella   quale ha la possibilità di imparare a navigare nel mondo della sala da ballo,   per motivi legati al doppio lavoro (lavorare di giorno e orchestra alla sera) alla fine del 1988 smette. Nel 1989 si presenta la   grande occasione di entrare a far parte dell'Orchestra   Titti Bianchi come professionista, non si può rifiutare e passano cosi 13   meravigliosi anni come braccio destro di una delle più grandi figure Artistiche   a livello nazionale, periodo nel quale si affinano ulteriormente le conoscenze e   le esperienze di questo settore.

Si arriva cosi a Giugno 2002,dove presa la decisione di costruire qualcosa di personale,   con un po' di nostalgia saluta il glorioso gruppo e si incammina sul sentiero   del progetto GIANNI E I MACEDONIA per mettere in atto tutte le esperienze   acquisite negli anni e per continuare a stare vicino a tutti gli amici   conosciuti in tale periodo. Passano così altri cinque bellissimi anni nei quali, grazie all'inserimento di validi professionisti, si arriva a notevoli livelli musicali con una formazione a dir poco eccellente, ma i tempi di crisi del settore non danno garanzie e continuità lavorativa in grado di poter mantenere il livello qualitativo raggiunto e da qui la scelta di altre strategie per poter continuare nel mondo dello spettacolo.

Un'altra esperienza musicale dove mi sono divertito molto l'ho fatta facendo parte per più di 7 anni della grandiosa FREE MUSIC PROJECT,  un gruppo di elementi di elevato valore musicale che propone tuttora nei propri concerti musica anni  70/80, veramente da ascoltare e vedere!

GIANNI E I MACEDONIA è stata la pagina più bella della mia vita artistica che ricorderò con tanta serenità e gioia, ma bisogna guardare avanti quindi su le maniche e via ancora sui palchi per regalare alla gente la cosa che più mi piace fare "CANTARE".
Voce - Armonica

Ratti Giovanni ma Gianni per tutti, (nemmeno mia mamma mi chiama Giovanni). Nato a Roverbella in provincia di Mantova il 15 Giugno 1957. Sposato con Miledi, funzionario di banca, due figli: Gianni (classe 1982) e Genny (classe 1989).

Strumenti: fisarmonica cromatica studiata da bambino ma poi messa in disparte (forse troppo), sax imparato da autodidatta, armonica (a bocca) lo strumento che nasce dal cuore.

Passioni: informatica in genere ma grande passione per la computer grafica, paracadutismo (cominciato a militare - Pisa 1977 - attualmente praticato a livello sportivo a Verona), sci.

A tavola: da buon mantovano risot col pist (lo mangerei anche tutti i giorni) impazzisco per i carciofi e se c'è del buon Lambrusco tanto meglio, comunque chi mi ha già invitato sa che sono un tipo che non fatica ad adattarsi a ciò che arriva a tavola.
 
  

     

     
Torna ai contenuti